Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

L’azienda Coppo di Canelli, cittadina piemontese conosciuta nel mondo come la capitale del moscato. Oltre a produrre ottimi moscati produce anche vini bianchi e rossi di qualità una delle aziende di prestigio che produce ottimi vini è l’azienda Coppo, di seguito elencati i vini che ho avuto modo di degustare e le mie riflessioni:

Monteriolo 2009, Chardonnay dal colore giallo paglierino con bei riflessi dorati che si caratterizza al naso per una intensa nota di vaniglia e buona sapidità e freschezza.

Riserva della Famiglia 2006, Chardonnay dal bel colore oro con note minerali al naso ed elegante e intenso al gusto.

Pomorosso 2010, Barbera d’Asti dal colore porpora carico con profumi di spezie e frutta rossa matura (prugna, mora), dotato di ottima struttura e persistenza.

Superiore Nizza Riserva della Famiglia 2005, Barbera d’Asti in purezza di colore rosso rubino carico con al naso note di frutti di bosco, dotato di grande persistenza ed eleganza.

Riserva della Famiglia 2006, Chardonnay dal bel colore oro con note minerali al naso ed elegante e intenso al gusto.

Superiore Nizza Riserva della Famiglia 2005, Barbera d’Asti in purezza di colore rosso rubino carico con al naso note di frutti di bosco, dotato di grande persistenza ed eleganza.

Moscato d’Asti docg Moncalvina 2012, ottenuto da Moscato bianco di Canelli in purezza, cristallino, dal colore paglierino, con sentori di agrumi e gelsomino, seducente al gusto.

Le Riserva di Famiglia, sia nel caso della Barbera che dello Chardonnay, fanno parte di un progetto aziendale secondo il quale i vini vengono prodotti a partire da uve che derivano da una particella di vigna di proprietà che rimane invariata nel tempo.

Questi vini hanno un buon livello di acidità che consente di ripulire completamente il palato per prepararlo a un nuovo assaggio e mostrano di avere potenzialità di evoluzione nel tempo, sono quindi promettenti in termini di longevità.

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: