Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

 

Venerdi 23 Novembre insieme a mia moglie mi sono recato alla bella ed interessante manifestazione denominata "Benvenuto Cilento" presso il bellissimo Savoy Beach hotel di Paestum, ho avuto modo di degustare di vini e cibi di azinde che non conoscevo e ho avuto anche la fortuna e piacere di degustare alcuni vini di annate che non sentivo più e di fare dei paragoni, ma ho avuto anche il piacere di prendere parte alla verticale del fiano di alfonso Rotolo, velentina con le annate 2008 - 2009 - 2010 e 2011. Il Vino prende il nome dalla prim figlia di Alfonso presente anche lei alla degustazine. Fortunatamente ho conosciuto anche il produttore persona umile, contadino che vive il suo vino step by step e che si dimosdtra un cilentano vero, legato al territorio e ai suoi vini, ma passiamo all'interessantissima degustazione:

Annata 2011 Parte del vino sosta in legno di acacia. Così come per tutte le annate questa è stata calda il Colore intenso e luminoso  Al primo naso sbocciano fiori come quelli di acacia, dovuta alla tipologia di legno utilizzato per  un po’ di frutta e toni agrumati colorano l’olfatto giovanile. Con uno slancio di buona eleganza sale una certa mineralità che ancora chiusa che deve riposare ma che parla di un vino, fine, complesso e dalla lunga vita. La bocca e calda, rilancia con freschezza e sapidità.

Annata 2010 Qui abbiamo, un passaggio in legno di rovere.  Una nota fruttata matura, mandorle e tiglio si. Il gusto, rotondo, -sapido che dona una giusta sferzata. Vino di spessore , La nota minerale, diventa più insistente e lascia intendere le potenzialità evolutive di questo bicchiere. Con un anno in più di affinamento e evoluzione riusciamo a sentire eleganti sentori.

Annata 2009  in questa annata troviamo l’utilizzo di una Barrique di rovere francese di media tostatura. alla vista diventa più carico e si colora di oro,riusciamo a sentire toni di idrocarburi , Si percepiscono sentori tostati e speziati, frutta gialla matura. Al palato si esprime con una grande struttura, ed un chiaro slancio sapido, molto persistente e composto

Annata 2008 anche in questa annata troviamo l’utilizzo di una Barrique di rovere francese di media tostatura La nota elegantissima d’idrocarburi riempie il bicchiere e sale all’olfatto ben  definita, troviamo anche profumi di miele, floreali e fruttati ,minerale, completo e avvolgente. Buona sapidità per un finale persistente ed elegante. Attimo stato evolutivo, da bere e non aspettare più.

Ovviamnete alcune annate vorrei degustarle tra qualche anno per vedere l'evoluzione di questo bel Fiano Cilentano

Le annate in degustazione

Le annate in degustazione

Condividi post

Repost 0